Spazio per le vostre domande

Qui potete porre le vostre domande.

Cercherò di rispondere nel modo più semplice possibile, usando il meno possibile il linguaggio medico.

Si raccomandano domande brevi.

Le risposte alle vostre domande

Gennaro

Uomo

73 anni

Domanda: dall'ultimo controllo la prostata risulta superiore alla norma, psa 3.2, uroflussometria con flusso max 7.8 ,medio4.1 volume 390. La vescica non si svuota del tutto, di notte mi alzo 2 volte. Ho avuto una turp nel 2012 e una seconda turp nel 2017. Ora mi è stata proposta di fare una terza turp. la domanda è: SI PUO FARE UNA TERZA TURP? QUALI SONO GLI INCONVENIENTI CHE POSSO AVERE? DOTTORE MILLE GRAZIE

Buonasera. Difficile che si tratti di una Ipetrofia che riforma per la terza volta. Più facile si tratti di una stenosi post-TURP (cicatrice con restringimento). In quel caso tende a recidivare. Proverei comunque con una terapia con alfa litico per qualche mese prima di affrontare un eventuale nuova disostruzione.

Carlo

Uomo

68 anni

Da alcuni anni soffro di IPB, eseguo annualmente ecografia. da qualche anno nel referto viene scritto che ho la vescica in sofferenza. E' una cosa pericolosa? mi devo operare per ridurre la prostata? attualmente uso mittoval 10 mg 1 compressa al giorno. Grazie-

Buonasera. La vescica “in sofferenza” normalmente, nel referto ecografico, significa un poco spessa. Alla sua età è normale. L’importante sono i sintomi (come lei urina) e il residuo post-minzione ecografico che, come ricordo, va fatto senza riempire troppo la vescica piena altrimenti sono attendibili. Se i sintomi irritattivi/ostruttivi sono accettabili e il residuo post-minzione è basso (sotto i 100-150 cc) va benissomo continuare con Mittoval.

Francesco

Uomo

67 anni

Buongiorno, ho IPB II / III LIVELLO, le chiedo se questo stato è la causa che a volte non riesco a trattenere la pipi dopo una passeggiata di circa 1 ora. Se non fosse così cosa può essere? grazie.

Buongiorno. Non so cosa intenda per “livello” dell’ipb. In realtà sono i sintomi/segni legati all’ostruzione che, come detto più volte, non sono legati alle dimensioni della prostata, che indicano la necessità di una terapia. Se non fa terapia per Ipertrofia potrebbe essere il momento di iniziare (meglio con alfa litico se non controindicato).

Carlo

Uomo

66 anni

Per operazione IPB ho letto che ci sono vari metodi per intervenire, con la TURP, Il Green Laser o con la vaporizzazione. UN soggetto che deve valutare un intervento come può fare la scelta più consona alle sue esigenze. Per esempio io prendo pradaxa che è un anticoagulante per FA cronica. Grazie.

Buongiorno. La sua domanda mi pare molto corretta. E’ un po’ il dilemma che affligge molto persone candidate all’intervento di disostruzione. La risposta che mi sento di darle è quella di scegliersi (e avere fiducia) in chi la opera più che nella fonte di energia utilizzata. Infatti è meglio una TURP fatta da un chirurgo bravo piuttosto che una Green laser fatto da uno meno bravo. Saluti

Alessandro

Uomo

45 anni

Salve, sono una guardia giurata e lavoro la notte(solo la notte) ho 45 anni, facendo la notte mangio calzoni a forno pizzette a forno, cornetti ecc ecc, premetto di non avere mai avuto problemi ad urinare, ora a circa 4 giorni che devo esitare circa 15 secondi prima di urinare a volte urino regolare a volte urino poco, urine sempre chiare giallo paglierino no dolore no bruciore. Che mi sta succedendo? Una cosa premetto che sono un tipo ansiosissimo.

Buongiorno. Potrebbe trattarsi di una Prostatite abatterica (comune alla sua età) con i sintomi correlati. Le consiglio leggere su questo sito l’articolo dedicato alle prostatiti per trovare qualche rimedio. Saluti

Pino

Uomo

55 anni

salve dott volevo sapere se alfuzosina 10 alla lunga puo dare problemi all'organismo e se dà assuefazione on funzionare puàù dopo che il corpo ci si abitua. grazie

Buongiorno. Non dà fastidio all’organismo alla lunga (pz. fanno alfa-litico da 3o anni senza problemi). Col tempo può diminuire un poco la sua efficacia(non sempre). Va visto caso per caso. Alla sua età non aggiungerei altro se fastidi accettabili.

Salvatore

Uomo

67 anni

DOPO UN ANNO DA CISTOCTOMIARADICALE CON CONFEZIONE BRIKER,RILEVO TUTTI I GIORNI MALE AL PENE SULL'ASTA ALLINTERNO, HO FATTO DI TUTTO MEDICINE TERAPIA DEL DOLORE TAC RISONANZE ECC.,MA NIENTE QUESTO PROBLEMA MI STA OSSESIONANDO LA VITA NON TROVO NESSUNO CHE MI PUò AIUTARE COSA MI CONSIGLIA??

Buongiorno. Immagino che sia seguito dall’urologo o dall’incologo per il follow up post operatorio. Se non fatta di recente, le consiglio una TAC addome con mdc. Nel frattempo utile farmaci con PEA (Pelvilen, Pelvinox etc) per un paio di mesi

Angelo

Uomo

55 anni

Buongiorno, a distanza di 15 giorni da intervento Turp, mi sono accorto di avere il meato infiammato e gonfio, ho messo gentalin per 2 giorni, sembrava migliorare ma oggi è ritornato di nuovo. Devo iniziare a preoccuparmi? Può darmi un consiglio? Grazie e cordiali saluti

Buongiorno. Può succedere che, se presente meato un poco stenotico (ristretto), per fare introdurre lo strumento operativo (resettoscopio), si debba fare una dilatazione che può portare ad edema del meato, che di solito si risolve spontameamente in una quindicina di giorni.

Maurizio

Uomo

Buongiorno Dott. Zaninetta, Sono stato operato nel marzo 2019 di resezione endoscopica adenoma prostatico (TURP). Pensavo di aver risolto i miei problemi e invece dopo due anni e mezzo riaccuso gli stessi problemi prima di essere operato. Quando vado ad urinare. il getto è debole ed è come se avessi un ostacolo. Sono molto preoccupato.Non vorrei essere rioperato. Cosa posso fare per risolvere il problema? Cordialmente

Buongiorno. Le consiglio di riassumere per almeno 2 mesi un farmaco alfa-litico (che sicuramente faceva già prima dell’intervento. Omnic etc). Se efficace continuerei con quello. Se non efficace, utile fare una uretro-cistoscopia per escludere cicatrici in sede di pregresso intervento che possono “mimare” una recidiva dell’Ipertrofia ostruente. Saluti

Emanuele

Uomo

43 anni

Buongiorno dott. Innanzitutto grazie per la sua disponibilita'. Sono stato operato il 5 luglio di "tuip". A distanza di un mese circa ho ancora perdite di sangue mentre urino e fastidi in tutta la zona in questione. Orientativamente, quanto dura tutto ciò? Grazie per l'attenzione a presto.

Buongiorno Emanuele. Il sanguinamento ci può stare (si formano delle piccole “croste” all’ineterno che si possono staccare per 15-20 giorni). Anche per i fastidi ci vorranno 20-25 gg. Può essere utile terapia per un mese con farmaci a base di pea che è un antidolorifico naturale (es Peaprostil 600, Pelvilen dual act, Pelvinox ). I comuni antinfiammatori possono aumentare il sanguinamento.