Spazio per le vostre domande

Qui potete porre le vostre domande.

Cercherò di rispondere nel modo più semplice possibile, usando il meno possibile il linguaggio medico.

Si raccomandano domande brevi.

Le risposte alle vostre domande

Riccardo

Uomo

72 anni

Buonasera. Turp nell'anno 2015 ( no laser) da 80 cc a 25 cc...oggi con eco sovrapubica riscontrato 33 cc..leggero aumento..con psa a 1.75...ho 72anni..tutto bene? ...grazie dott.

Non è il volume della prostata che determina ostruzione ma quanto cresce (l’ipertrofia) dentro l’uretra. Quindi non sono le dimensioni ma la peristenza o meno di sintomi ostruttivi/irritativi, l’eventuale presenza di residuo post-minzione elevato etc, che indicano la risucita o meno dell’intervento. Non so quanto era la misurazione prima del PSA. La visita (esplorazione rettale) che correla con PSA può dire se tutto ok. Senza visitarla potrei darle solo una risposta parziale. Saluti

Iseo

Uomo

64 anni

Buongiorno. Ho avuto un intervento turp ad agosto 2020 il flusso di giorno e' discretto di notte e' scarso ed inoltre mi alzo almeno cinque sei volte , secondo lei sta accadendo il psa e' ottimo. la ringrazio per la sua risposta

Buonasera. A volte dopo un intervento alla prostata si possono formare cicatrici nell’uretra (anche se ben eseguito). Altre volte la vescica può risultare un po’ “affaticata”. Proverei con un alfa litico (es. tamsulosina, alfuzosina etc per almeno 2 mesi, se non controindicato). E’ un farmaco che probabilmente ha preso prima dell’intervento. Se ne ha beneficio può continuarlo indefinitamente. Se il problema persiste si rivolga al suo urologo.

Giseppe

Uomo

20 anni

Buongiorno dott. Zaninetta, intanto complimenti per questo spazio di domande-risposte. Martedì 23 marzo sono stato sottoposto a intervento monolaterale TUIP per sclerosi del collo vescicale. Dal momento che non ho avuto molte indicazioni in merito al momento delle dimissioni, vorrei sapere se a distanza di 10 giorni dalle dimissioni (di cui 7 con catetere) posso avere rapporti o comunque praticare masturbazione. Grazie

Buongiorno. Aspetterei ancora una decina di giorni perchè potrebbe sanguinare stimolando la prostata. Grazie per i complimenti. Saluti

Paolo

Uomo

59 anni

Salve dottor Zaninetta fatto visita urologica il 30/03/2021 risultato prostata ipertrofica trattamento con omnic e avodart e problemi di disfunzione erettile, urologo mi consiglia sospendere avodart, continuare con omnic e mi da una cura di mantenimento con Cialis 5mg 1 caps. mattino per 7 giorni, poi 1 caps ogni 2 giorni per 14 giorni, e infine 1 caps ogni 3 giorni per altri 14 giorni, volevo chiedere ha lei visto esperienza in merito come ottimo urologo, si migliora in fatto solo di disfunzione erettile oppure anche riguardo benefici alla prostata, essendo che lei ha sempre dei giudizi ottimi ha tutti vorrei sentire anche il suo in merito. ringraziandola cordialmente distinti saluti Paolo.

Buongiorno Paolo. La letteratura ci dice in effetti che tadalafil 5(Cialis generico che costa decisamente meno) ha una buona efficacia sia sulla disfunzione erettile che sui sintomi dell’ipertrofia prostatica(andrebbe a dare beneficio sia sulle cellule che formano i corpi cavernosi che quelle responsabili dell’ipertrofia benigna). Il dosaggio dovrebbe essere 5 mg al giorno per almeno 3 mesi . A meno che non ci siano effetti collaterali, peraltro abbastanza rari, come capgiro etc. In quel caso si può fare a giorni alterni. Se dopo tale periodo i3 mesi) il deficit erettile è sempre presente, vanno fatti gli esami ormonali (testosterone libero, totale, PRL. Il PSA sempre) per capire se c’è carenza in quel senso. Saluti.

Antonio

Uomo

68 anni

Buonasera: Ho Fatto ecolaser alla prostata , A cosa mi serve il deflan 30mg? GRAZIE

Buonasera. Il Deflan è il nome commerciale di deflazacort (molecola cortisononica ). Io non eseguo quel tipo di intervento ma immagino il collega l’abbia consigliato per diminuire l’edema (rigonfiamento) post-operatorio e i fastidi irritativi conseguenti.

Ugo

Uomo

73 anni

Buongiorno Dottore circa 3 mesi fà ho fatto un intervento IPB + calcolosi vescicale grande come una noce, fatto ultimo controllo più analisi urinocoltura più uroflussometria, tutto regolare, purtroppo ad oggi ancora perdo delle gocce di urina, è normale ? oppure mi devo preoccupare ? ( devo portare un salva slip ) Grazie Buongiorno di nuovo Dottore, l'urologo mi ha fatto fare per 20 giorni una cura con VESIKER da 5 mg. adesso la notte non mi alzo più per urinare e tengo benissimo la pipì per diverse ore, quello che non è cambiato è sempre questo gocciolamento che non si arresta, stò facendo la ginnasrtca per il pavimento pelvico ma niente da fare , ora l'urologo mi fa fare una cura per 15 gg. con CYMBALTA da 30 mg, ma stò vedendo che è un medicinale per la depressione. Cosa mi consiglia ?? Grazie ancora Dottore. saluti Ugo

Buongiorno. Concordo col suo urologo. Cymbalta ha la doppia indicazione ministeriale. Come dice lei, per la depressione e per l’incontinenza sfinterica (gocciolamento). Se non utilizza altri farmaci per la depressione, normalmente è ben tollerato e può aiutarla in questo momento. Saluti

Luca

Uomo

53 anni

Buongiorno dottore, a seguito dei seguenti sintomi: minzione frequente (10-12 volte al dì), spesso con urgenza, nessun dolore o bruciore, getto nella norma, analisi sangue-urine nella norma ( PSA reflex 0,27), il medico di base mi ha prescritto terapia con Permixon, ma dopo 40 giorni di terapia non è cambiato nulla. Ritiene opportuno fare una visita più approfondita? Grazie.

Buongiorno. Potrebbe trattarsi di una iniziale Ipertrofia prostatica. La componenente irritativa di cui parla è di solito quella iniziale(prima di quella ostruttiva). Le consiglio terapia con tamsulosina (1 cpr alla sera) o Alfuzosina 10 (1 cpr alla sera) per almeno 3 mesi. Possono dare ipotensione i primi giorni (vanno presi prima di coricarsi) e possono fare vedere meno sperma all’eiaculazione(reversibile). Saluti

Remy

Uomo

27 anni

Salve dottore faccio questa domanda perché non posso crederci e mi sento che il mondo mi è caduto addosso, è possibile che mi hanno diagnosticato ipertrofia prostatica ostruttiva a 27 anni? Oppure può solamente essere una prostatite perché io stavo bene solamente 1 mese fa. Grazie per la risposta

Buongiorno. Non so la sua storia, ma è molto probabile che sia come dice lei. La frequenza della minzione aumentata, l’urgenza, sono sintomi di una prostata un po’ infiammata (non infetta), tipici della sua età. Sappiamo che c’è una componente alimentare per la prostatite(cioccolato, birra, cibi piccanti, vino bianco) e una legata allo stress (la prostata è un po’ come lo stomaco o il fegato come “raccoglitore” di stress). In questi casi, oltre che diminuire l’uso di questi alimenti, utile terapia a cicli di 2 mesi con farmaci a base di Serenoa o altri decongestionanti naturali. In alcuni rari casi, nei più giovani, può essere presente una “stenosi del collo vescicale” che può mimare una Ipertrofia Prostatica, ma è comuque curabile. Forse si è espresso male l’urologo ma alla sua età non c’è Ipetrofia prostatica. Saluti

Ugo

Uomo

67 anni

Buongiorno Dottore circa 3 mesi fà ho fatto un intervento IPB + calcolosi vescicale grande come una noce, fatto ultimo controllo più analisi urinocoltura più uroflussometria, tutto regolare, purtroppo ad oggi ancora perdo delle gocce di urina, è normale ? oppure mi devo preoccupare ? ( devo portare un salva slip ) Grazie

Buongiorno. La ripresa dopo chirurgia prostatica associata a calcoli è più lunga perchè il calcolo irrita la vescica e ci vogliono mesi per “disinfiammare”. Se la perdita di urina è associata a urgenza, le consiglio una cura per due mesi con anticolinergico (dal suo medico). Se invece non è presente urgenza, ma si “trova” bagnato, utile ciclo di Riabilitazione perineale per riabituare lo sfintere. Di solito se ne occupa il reparto di Fisiatria dell’ospedale. Saluti

Francesco

Uomo

52 anni

Buonasera. Vorrei un suo parere. Operato di turp un mese fa ma come bevo un po si più durante la giornata vado in bagno continuo 4 5 volte può darmi un consiglio. Grazie.

Buonasera. Se la frequenza della minzione è preceduta da urgenza, frequente dopo TURP, può essere utile terapia per 1-2 mesi con anticolinergici(Solifenacina, tolterodina) o Mirabregon se non controindicati. Di solito migliorano i sintomi. Saluti

Antonio

Uomo

67 anni

Errata corrige per il sig. Antonio. Enzo Palminteri, non Palmingeri. Chiedo scusa. Saluti

Michele

Uomo

61 anni

Buongiorno ,è possibile che dopo intervento turp (15/06/2020) il mio pene abbia subito modifiche?noto che il glande a riposo mi sia diminuto di grandezza,mi si ci restringe sopra prepuzio ,cosa che prima non mi era mai successo. grazie mille ,distinti saluti.

Buongiorno. Non c’è relazione con la TURP. I motivi possono essere due. Il primo l’aumento di peso che “copre” la base del pene diminunendone in apparenza le dimensioni(sembra banale ma succede spesso). Il secondo, la possibile formazione di una iniziale fimosi (restringimento del prepuzio) per la quale sentirei chi la operata. Saluti

Antonio

Uomo

67 anni

Buongiorno dottore, sono stato operato nel 2005 di turp del collo vescicale e purtroppo dopo circa due anni mi si è manifestata una stenosi uretrale nel tratto bulbare. in questi anni sono stato sottoposto a diversi interventi di uretrotomia, sia a freddo che con il laser (olmio e tullio), cosi come anche il posizionamento di uno stent Allium (Fr 22 lunghezza 50) con catetere sovrapubico, che mi è stato tolto dopo circa sei mesi in quanto si era ristretto. Mi è stato anche consigliato di fare un intervento di uretroplastica con mucosa buccale, ma considerato che ci sarebbe stato il rischio di non risolvere il problema e visto che trattasi di un intervento abbastanza invasivo, preferisco non soffrire olre. Adesso da circa due anni sono costretto a fare le dilatazioni periodiche, circa ogni mese. Le chiedo cortesemente se lei è a conoscenza di un sistema che possa risolvere definitivamente il mio proplema o se sarò costretto a fare dilatazioni a vita. La ringrazio per il tempo che mi potrà dedicare e la saluto cordialmente.

Buonasera. Stent Allium è l’unico tentativo non “chirurgico” per cercare una soluzione al suo problema. Gli stent fissi in passato facevano molti danni e purtroppo scarsamemte reversibili. Allium se non altro si può togliere se non va. Non avrei timore di fare interevnto per stenosi uretra bulbare con mucosa buccale. La cosa fondamentale è rivolgersi a Centri ultraspecializzati in questo tipo di chirurgia. Le consiglieri il dott. Enzo Palmingeri, sicuramente uno dei migliori specialisti che abbiamo. Lo trova su internet(ha vari studi). A 67 aa. vivevre di dilatazioni è molto disagevole. Almeno senta il suo parere. Se va me lo saluti. G.Z.

Claudio

Uomo

70 anni

Buongiorno. Sono stato operato di TURP 5 anni fa, ma durante la minzione ho sempre dolori a livello della fossa navicolare dell'utrera. Specialmente al mattino la minzione è faticosa, come se il flusso fosse impedito da stenosi a livello della fossa navicolare. Durante il giorno la minzione minzione è più fluida. Grazie per la risposta.

Buongiorno. Potrebbe essersi formata una stenosi della fossa navicolare (cicatrice con relativo restringimento del meato uretrale esterno cioè a pochi millimetri dall’uscita dell’urina). Per verificarlo le consiglio di prendere in farmacia il Luan confezione piccola con beccuccio e, dopo avere abbondantemente lubrificato il meato esterno, provare ad introdurre il beccuccio stesso per 1-2 cm. Se ostacolo facilmente superabile, da ripetere operazione una volta ogni 2 giorni per almeno un mese finchè non si stabilizza. Altrimenti sentirei il suo urologo. Saluti

Domenico

Uomo

69 anni

Buongiorno sono in lista d attesa per intervento su IPB con Turp. Al momento ho il catetere per ritenzione urinarie ed ho molto fastidio ma la lista di attesa è pari a 2 mesi. Credo che portare il catetere per così lungo tempo sia inumano e doloroso e invalidante. Secondo lei posso ovviare in qualche modo a questa difficoltà. Ero una persona attiva. Grazie mille per l ascolto.

Buongiorno. Purtroppo, anche causa Covid, la lista di attesa per patologia benigna si è allungata e di molto. La causa è la diminuzione delle sedute operatorie disponibili (meno della metà in molti reparti), soprattutto per mancanza di personale trasferito in reparti Covid, e la maggiore occupazione temporale degli spazi disponibili per eseguire tutte le procedure Covid nei pz. operandi d’urgenza o per patologia tumorale affetti da tale malattia (Covid). Quindi se le hanno detto 2 mesi di attesa sono molto pochi per una TURP (in Italia credo di media al momento siamo sui 6 mesi per tale intervento a meno che non intervengano situazione particolari come sanguinamento importante, infezioni sintomatiche ripetute etc). Il catetere va cambiato comunque ogni mese. Si tenga stretto quel reparto che le ha indicato quei tempi. Saluti

Giorgio

Uomo

Le chiedo gentilmente se riceve su appuntamento per visita specialistica in Acqui Terme; se si dove e come posso contattarla. Altrimenti quale è la sede più vicina. cordiali saluti

Buongiorno. Gli studi sono a Genova, Ovada, Alessandria. Se va sulla sezione “Gli studi” su questo sito può vedere quello che le viene meglio. Saluti GZ

Michele

Uomo

66 anni

Buongiorno. Verri porle una domanda. Ho una prostata ingrossata 36 cc curato con Avodart 0,5 mg e xatral 2,5 mg mi devo preoccupare o mi ho bisogno di un intervento chirurgico o è prematuro.

Buongiorno. Come detto altre volte su questo “blog”, non sono le dimensioni che indicano o meno la necessità dell’intervento, ma la sintomatologia che permane nonostante la terapia medica, il dato di esami per immagini (es. il residuo post-minzione ecografico etc). Spesso una prostata piccola risulta più ostruente di una grande perchè “cresce” dentro il canale uretrale. Il suo urologo avrà valutato queste conponenti per darle un consiglio.

Roberto

Uomo

49 anni

Sono stato operato turp 10 giorni fa prima getto forte ora debole ma urino per volta ml150 va bene

Buongiorno. 10 gg sono pochi per vedere miglioramento. Anzi spesso nei giorni successivi l’intervento può esserci aumento di frequenza anche maggiore del pre-intervento. Ci vuole un mese perchè le cose si assestino.

Antonio

Uomo

64 anni

Buongiorno Dottore, mi sono operato di Turp 3 anni fà , e sto iniziando ad avere gli stessi disturbi post operatori, ovvero difficoltà ad urinare e spesso, e la vescica non si svuota mai completamente , è normale o la prostata ha ripreso volume? Grazie. Antonio

Potrebbe essere che la prostata abbia ripreso un po’ di volume ma questa spesso non è l’unica spiegazione. Le consiglierei di riprendere una delle medicine che quasi sicuramente prendeva prima dell’intervento e cioè l’alfa-litico (es tamsulosina, alfuzosina, silodosina etc) per almeno 3 mesi e vedere come va. Saluti

Daria

Donna

64 anni

Buongiorno mercoledì 2 ho un primo appuntamento al suo studio di Genova e credo mi farà l’ecografia Devo venire a vescica piena ? È prevista una preparazione a questo esame? La ringrazio Saluti

Buonasera. Se riesce a venire a vescica un poco piena (non troppo), meglio. Saluti